Sauver Le Darfour dans le monde

Appello del gruppo « Emergenza Darfur »

Mouvement De La Paix, 01 Mars 2005

Appello del gruppo « Emergenza Darfur »

Da due anni, nell'indifferenza generale il Darfur è teatro di una delle più gravi catastrofi umanitarie che attualmente vi sono nel mondo.

Da febbraio 2003, Fur, Massalit e Zaghawa, agricoltori di etnia nera che abitano la provincia dell'Ovest del Sudan, sono bersaglio di una vera e propria pulizia etnica condotta dall'esercito govarnativo e dalle milizie dei nomadi Djanjawids al soldo di quest'ultimo.

Sei mesi fa nel Darfur vi sono stati 30 000 civili uccisi, un milione di profughi all'interno delle frontiere e 120 000 rifugiati. Attualmente, il numero dei civili uccisi supera il 1 800 000 e il numero dei rifugiati in Ciad si avvicina a 200 000.

Questo terribile bilancio è il risultato dell'uso di metodi disumani :

- Raid aerei sui villaggi e attacchi ai campi dei profughi

- Pratica dello stupro sistematico come strumento di guerra

- Furto del bestiame, distruzione dei raccolti, inquinamento delle acque e messa a fuoco dei villaggi

- Incarcerazioni arbitrarie e torture

- Ostacolo al lavoro delle organizzazioni umanitarie

Altrettanti crimini definiti dalle organizzazioni umanitarie e dall'ONU crimini di guerra e crimini contro l'umanità.

Non potremo più dire che non sapevamo….

Noi rifiutiamo di restare passivi di fronte alla prosecuzione della pulizia etnica e all'impunità dei criminali.

È giunto il momento di impegnarsi in una campagna di solidarietà con le popolazioni del Darfur.

Il gruppo « Emergenza Darfur », creato l'8 febbraio 2005, chiede :

- l'arresto immediato delle violenze, dei crimini e dei massacri razzisti, dei crimini di guerra e dei crimini contro l'umanità perpetrati dal governo sudanese e dalle milizie Djanjawids nei confronti delle popolazioni civili nere del Darfur.

- il ritorno dei rifugiati e dei profughi nelle proprie terre, con la garanzia della loro sicurezza, e l'attivazione di tutte le misure necessarie all'avvio degli aiuti alimentari e alla ricostruzione delle coltivazioni devastate

- L'arresto e il processo dei responsabili di questi crimini di guerra, crimini contro l'umanità e di atti intenzionalmente genocidi commessi nel Darfur

Invitiamo tutti i rappresentanti della società civile, le organizzazioni umanitarie, politiche, sindacali, antirazziste e di tutela dei diritti umani, le organizzazioni delle donne, le personalità di qualsiasi orizzonte e tutti i nostri concittadini a unirsi al gruppo Darfur.